giovedì, marzo 29, 2007

Election - il DVD italiano

Il nostro blog ama Johnnie To. Lo si era capito, credo. Quindi siamo molto contenti che un altro tassello della sua lunga filmografia sia finalmente disponibile in edizione italiana. Ed è Election, quindi un tassello non da poco. Il DVD è a cura della Mikado, uno dei distributori italiani che hanno mostrato più attenzione nei confronti del cinema asiatico.
Qui la scheda del film, sul sito Emik.

Eye in the sky

Ovvero il nuovo film prodotto da Johnnie To e girato dal suo fido sceneggiatore Yau Nai-hoi.
Il trailer lo potete vedere sulla pagina dell' Hong Kong Filmart.
Pubblichiamo una recensione di Dan Fainaru, apparsa su Screen International:

Yau Nai-hoi, ex sceneggiatore di Johnnie To, debutta in maniera strabiliante nel film di genere Eye In The Sky. Ben costruito, veloce e alle volte perfino velocissimo, il film presenta un nuovo talento della regia, dotato di una considerevole padronanza del linguaggio cinematografico, che dovrebbe fare molta strada, anche se il suo primo lavoro reca l’impronta del maestro.

Una crime story del tipo molto amato da Johnnie To (che ha prodotto il film), è narrata in modo economico ed efficace e fatta con calcolata precisione matematica. Inoltre mette in scena molti degli attori che regolarmente lavorano con To, compreso Simon Yam (qui un bravo ragazzo), Lam Suet e Cheung Siu Fai.

Sebbene probabilmente più forte nella forma che nel contenuto, la crime story di Yau dimostra di avere superba maestria professionale e dovrebbe avere successo sia in festival che in circuiti commerciali, specialmente in quelli specializzati nel genere. Hollywood, sempre alla ricerca di potenziali talenti per rinfrescare le sue fila, dovrebbe prenderne nota.

Proprio come PTU, un film di To scritto da Yau, il centro focale è ancora una squadra speciale di polizia nota come Unità di Sorveglianza. I suoi ufficiali si vestono in borghese, superano difficili test e usano i più recenti gadget. Per nessun motivo essi devono rivelare la propria identità. Tutto quello che devono fare è scoprire sospetti, osservarli e far intervenire le squadre speciali SWAT quando devono arrestare qualcuno. Dog Head (Yam), uno degli agenti più esperti nell’Unità di Sicurezza, sta istruendo una recluta che ha soprannominato Piggy (Tsui), quando sono chiamati in aiuto per inseguire una banda violenta comandata dalla mente dell’insensibile e spietato Shau (Tony Leung Ka-Fai).

Gli appostamenti e gli inseguimenti si fondono in una serie di sequenze perfettamente orchestrate che vanno oltre al previsto, mentre la sceneggiatura presenta continuamente nuovi ostacoli. Ma questi difetti sono poco importanti. Nelle mani di altri registi, questo insieme potrebbe diventare una delirante parabola sulla mancanza di privacy e la minaccia della polizia di stato. Non qui, dove Yau Nai-hoi costruisce una storia dove il bene e il male sono definiti dal genere, non da trattati teologici. Gli esperti attori sono bravi. Yam appare discretamente disordinato e mostra una pancetta che potrebbe sorprendere le sue ammiratrici, Tony Leung Ka-Fai è violento in modo adeguato e Kate Tsui ha il giusto insieme d’innocenza e malizia.
Un eccellente lavoro di ripresa con uso dei toni saturi così spesso prediletti dai film di To e un montaggio veloce danno il loro contributo ad un esercizio di grande divertimento.

giovedì, marzo 08, 2007

Yesterday Once More - Il DVD

Esce il 20 Marzo il DVD edito dalla Ripley's Home Video in collaborazione con l'Udine Far East Film Festival. Distribuzione Sony Home Entertainment (quindi potete trovarlo dovunque!).

Questi gli extra del DVD:
- il trailer originale;
- il Making Of originale sottotitolato;
- il promo del Far East;
- Friuli Once More, un breve dietro le quinte dei set friulani;
- un intervento critico in video di Giorgio Placereani;
- un intervento critico in video di Sergio Grmek Germani;
- gli scatti fotografici di Johnnie To sui set friulani (!);
- il promo del Far East;

Audio cantonese 2.0 e 5.1, sottotitoli italiani, master PAL 16/9 in formato 2,35:1.

mercoledì, gennaio 24, 2007

PTU - Concorso e premiazione


Un'immagine dalla cerimonia di premiazione del concorso indetto sul sito del CEC (www.cecudine.org) e attraverso i programmi di Schermi di città. Ah, il premiato è a sinistra. La valletta è a destra. Mancavano i cotillons.

lunedì, gennaio 08, 2007

news da casa Milkyway...

...Johnnie è occupatissimo...sta ultimando le riprese di The Sparrow e di Triangle, il film in tre episodi realizzato insieme a Tsui Hark e Ringo Lam.

Nell'ordine Triangle prevede un primo episodio diretto da Tsui Hark, un secondo da Ringo Lam e il terzo e ultimo da To. Ognuno dura 30'.

Nessuno dei tre registi è al corrente di cosa succeda nell'episodio precedente o successivo. Quasi un film sperimentale...
Voci di corridoio dicono che i tre super-registi avrebbero voluto non firmare le singole parti, mescolarne l'ordine e lasciare quindi allo spettatore il compito di indovinare l'autore di ognuna! Just for fun!!

Sia The Sparrow che Triangle saranno pronti in primavera...

venerdì, dicembre 29, 2006

Go Johnnie To! alcuni progetti...

...sembra confermata la notizia che Johnnie stia per girare un remake del grande Le Cercle rouge - I senza nome di Jean-Pierre Melville! Il produttore è un armeno-americano Arthur Sarkissian.
Nel frattempo, la lavorazione del promettente nuovo film, scritto da Wai Ka Fai, dal titolo provvisorio Schizophrenia, è già iniziata. Si tratta di un'opera estrema, alla Too Many Ways to Be Number One, giocata sul continuo confondersi di realtà e immaginazione. Per l'occasione, e per la prima volta, Wai Ka Fai segue sulle location le riprese del film. La regia sarà firmata da entrambi e il protagonista è Lau Ching-wan (il tanto atteso ritorno alla Milkyway!). Linger (o Butterfly Fly) diretto da To soltanto è già terminato e uscirà a Hong Kong a cavallo del Chinese New Year. Sarà un film sorprendente con protagonista una donna! L'attrice cinese Li Bingbing!!

lunedì, dicembre 11, 2006

L'autografo di Johnnie...


...sulla copertina di PTU. Mitico!

mercoledì, novembre 29, 2006

I Piccoli Grandi Fan di PTU - 1

il film piu' lunare astratto umbratile materico (la materia dell'ombra) misterioso isolato di to. quasi il (non) suo capolavoro.

Chi è?

giovedì, novembre 02, 2006

PTU - Clip Doppiaggio

Una clip di un minuto dal doppiaggio italiano del DVD. Potete scaricarla a questo link.

martedì, ottobre 31, 2006

Yesterday Once More - Gli Extra

Una delle immagini scattate da Johnnie To sul set del film Yesterday Once More, che farà parte della galleria fotografica del DVD.

lunedì, ottobre 23, 2006

Yesterday Once More










Yesterday Once More
, il fim girato da Johnnie To a Udine e in Friuli sarà il prossimo titolo della collana firmata Udine Far East Film Festival/Ripley's Home Video.

Il Trailer:
http://www.youtube.com/watch?v=zmNExSFLdAk

Un breve dietro le quinte:
http://www.youtube.com/watch?v=o20kww1YajE

Sammi Cheng, Andy Lau e Johnnie To promuovono il film:
http://www.youtube.com/watch?v=9drm_khkw8Y

venerdì, ottobre 20, 2006

PTU - Le recensioni - 3

Una scelta dalla critica francese.

Chronic'art.com - Vincent Malausa
PTU gioca la carta di un intimismo e di un realismo che non ci saremmo aspettati da To (...). Ed è una sorpresa straordinaria, il perfetto incontro tra due generi, cronaca e film d'azione.

Fluctuat.net - Jérôme Dittmar
Johnnie To, cineasta essenzialmente formale? Non è così semplice. In PTU, suo ultimo film uscito in Francia, l'intreccio è certo ridotto al minimo. Ma il susseguirsi delle linee grafiche e narrative, mozzafiato, finisce per tessere una densa trama di corpi e di interazioni umane.

Positif - Fabien Baumann
To gioca, come sempre, a ritardare ogni cosa. L'azione non è mai così rallentata come quando... si accelera: una scalinata da salire, un informatore da torturare, un fuoco incrociato si prolungano, si perpetuano. La durata si tramuta in durezza, la tensione in grazia.

Les Inrockuptibles - Olivier Père
PTU si ammanta con gli orpelli seducenti del film di genere ma, come The Mission, eccede le regole del poliziesco per offrire allo spettatore un incrocio tra una brillante lezione di cinema e una passeggiata poetica per le strade di Hong Kong.

Télérama - Jacques Morice
Vischioso ed efficace (...). A volte scorgiamo un Sergio Leone in Johnnie To. Per quel modo simile di lasciare l'azione in sospeso, fino al parossismo, di associare al grottesco il verismo brutale, di tipicizzare i visi. Con non poche e appropriate scelte stilistiche, Johnnie To ci mostra quella che viene giustamente chiamata "giungla urbana".

Cahiers du Cinéma - Jean-Michel Frodon
Uno dei film [di Johnnie To] più compiuti ad oggi è senz'altro questo PTU, la cui sigla significa Police Tactical Unit, ma la cui pronucia (pity you) rievoca la compassione. (...) i film di Johnnie To, con il loro formalismo folgorante e rilassato, sono sorprendentemente emozionanti.

Score - Gaël Golhen
Rispetto dell'unità di tempo, di luogo e (soprattutto) d'azione, gioco del caso, improvvisazione virtuosa sul tema della coincidenza, PTU è una stupefacente passeggiata notturna.

Elle - Philippe Trétiack
Gli appassionati di John Woo riscopriranno in questo thriller hongkonghese gli ingredienti dei loro brividi. (...) E' postmoderno, esotico e piacevole. Asiatico da far sognare. Da vedere.

Studio Magazine - Thomas Baurez
Questo regolamento di conti tra i vari corpi di polizia hongkonghese è un capolavoro di precisione stilistica.

Brazil - Alex Masson
Tanto elegante quanto febbrile, PTU conferma (...) To come un caso unico nel cinema asiatico di un regista capace di legare estetismo raffinato e senso del divertimento. Un successo assoluto.


mercoledì, ottobre 18, 2006

Che fine ha fatto Ruby Wong?


Prima di essere la tetragona Leigh Cheng in PTU (e non lo diciamo noi, ma Alberto Pezzotta nel booklet del DVD - noi avremmo detto stronza -), Ruby Wong è stata una presenza importante del cinema diretto e prodotto da Johnnie To: Loving You, Lifeline, Expect the Unexpected, Where a Good Man Goes, i due Running Out of Time hanno potuto contare sul suo fascino aspro e combattuto.
Dopo PTU e dopo Infernal Mission, sotto-Infernal Affairs al femminile prodotto con la mano sinistra dal grande Cha Chuen-yee, le sue tracce si sono completamente perse. Qualcuno sa che fine ha fatto?
Qui, un bell'articolo di un fan anglofono:
http://column.hkmdb.com/mike/?p=13

lunedì, ottobre 16, 2006

The Sparrow - il trailer

Fra i mille progetti di Johnnie, The Sparrow è probabilmente quello che vedrà la luce per primo. Ed è l'unico di cui esista già una mezz'ora di scene montate. La Universe ha già rilasciato un trailer.

Sempre dal solito YouTube:
http://www.youtube.com/watch?v=kqc5W_S5tsc

venerdì, ottobre 13, 2006

PTU - Le recensioni - 2

Altra recensione di PTU, di Stefano Locati, da Sentieri Selvaggi

Notti di desolazione: PTU e il ritorno di Johnnie To

Da quando Johnnie To - insieme a Wai Ka-fai padre-padrone della Milkyway, la casa di produzione che più ha contribuito a ridefinire l’estetica del noir sul finire del secolo appena trascorso - pareva aver deciso che nei momenti di magra è meglio badare alla pagnotta piuttosto che perdersi in pie illusioni di qualità, molte delle speranze in lui riposte erano state disilluse. Certo, rimaneva la testimonianza di capolavori imprescindibili quali il furente A Hero Never Dies (1998), epitaffio cinico e disperato a qualsiasi amicizia virile immaginabile, o lo stordente quanto abbacinante The Mission (1999), sintesi di cura stilistica che sfocia nella profondità emotiva; ma dopo la lunga serie di blockbuster studiati a tavolino colmi di star, carineria e il minimo sindacale di impegno cui ci ha costretto, risultava difficile abbandonarsi alla speranza. Non fossero bastati i rimasugli romantici di Needing You... e Love for All Seasons, le commediole incolori Love on a Diet e Fat Choi Spirit o le commistioni azzardate ancorché indigeste quali Wu Yen e My Left Eye Sees Ghosts, erano arrivati a definitiva condanna la spacconeria di Fulltime Killer e l’inconcludenza di Running Out of Time 2 (seguito del discutibile ma perlomeno degno divertissement pensato nel 1999). Ben triste ammetterlo, nel futuro si prospettava un profluvio di incassi, ma al contempo la definitiva abdicazione da sostenitore di un cinema pieno, duro - sostanzialmente spietato - non tanto per i temi, solo incidentali, rivedibili di pellicola in pellicola, quanto grammaticalmente e costitutivamente. E invece no. E invece dopo due anni di lavorazione semiclandestina, con riprese fatte nei ritagli di tempo, arriva PTU, sberleffo (ma con amore) a chi lo riteneva definitivamente evaporato. PTU, al contrario, svela un Johnnie To accorto, quasi luciferino nel produrre con polso mercanzia all’ingrosso per poi dedicarsi nei progetti più personali alla destrutturazione come missione programmatica. Perché la storia della notte nera del sergente Lo, poliziotto sopra le righe che rincorre alcuni teppistelli rei di avergli imbrattato l’auto, fino a cadere, battere la testa e risvegliarsi senza pistola, non è altro che la rilettura allucinata di Stray Dog (Kurosawa Akira, 1949) nell’ottica di Fuori Orario (Martin Scorsese, 1985). Lo chiede aiuto all’amico Mike Ho della Police Tactical Unit, e insieme decidono di provare a recuperare l’arma prima che faccia giorno, noncuranti delle due bande malavitose coinvolte e delle attenzioni della disciplinare, impersonata dalla testarda Cheng, che alita sul collo di entrambi. Per le strade deserte e nullificate del quartiere di Tsimshatsui, in una Hong Kong mai così notturna e glaciale, prendono ad aggirarsi esseri umani sperduti come formiche fameliche, preda di pulsioni basilari e sogni ad occhi aperti della durata di un battito di ciglia - personaggi in cerca di un baricentro costretti a girare su se stessi, a vuoto, fino all’incontro col fato, in un finale circolare quanto beffardo, che cancella ogni aspettativa eroica per indulgere sulle disgrazie stradaiole e rifrangenti di un’umanità frammista, implosa. Tra karaoke, sale giochi, retrobottega di ristoranti cadenti e, su tutti, vicoli ribollenti rabbia - teatro di pestaggi e nefandezze di ogni sorta - sovrasta un anelito anti-manicheo che polverizza qualsivoglia senso di continuità precostituita, preferendogli piuttosto la dilatazione dei ritmi, in un respirare affannoso e sincopato che dà spazio alle vanaglorie quotidiane di poliziotti canaglia e malavitosi sfigati. Lam Suet, finalmente eletto a un ruolo di primo piano dopo decine di (perfette) caratterizzazioni, è una maschera tragicomica, Simon Yam, insolitamente controllato, è lo sguardo sadico del potere con manganello, Ruby Wong, silenziosa e sensuale in vestiti maschili troppo grandi, è la parte fallibile della burocrazia: come collante, una colonna sonora cromata, sferragliante di chitarre vellutate e suadenti.

Stefano Locati, Sentieri Selvaggi, un po' di tempo fa.
(http://www.sentieriselvaggi.it/
articolo.asp?idarticolo=5361&idsezione=99&idramo1=99)